lunedì 23 aprile 2012

PICCOLI INCIDENTI DI QUARTIERE

Così domenica giocavo con Maia ed Anna in piazza San Cosimato: correvo spingendo uno scatolone di cartone vuoto, e loro due dietro a ridere come pazze. Come un cretino sono caduto malamente sulla chiappa sinistra, poca la ciccia a parare la caduta sul cemento, e loro due sempre a ridere di me, steso a terra che trattenevo a stento le lacrime con un sorriso per non preoccuparle troppo.
Così sono fatti i bambini.

(Due giorni prima mi ero sfondato il coccige scivolando giù dal corrimano delle scale di via Ugo Bassi, proprio davanti la casa romana di Calderoli).



Posta un commento