mercoledì 2 maggio 2012

ZERO CALCARE

Questa notte ti ho sognato, Zero Calcare, eri insieme a quell'intellettuale di Akab, entrambi sudati da fare schifo. Tu portavi i polsini e una fascetta in fronte di spugna come Mark Knopfler. Con il fiato corto mi dicevi che eri andato a correre perché ti serviva un segno tremolante per la prossima storia.
Il resto non lo ricordo.

"Il Vij"
Pirografia

Posta un commento